I musei di Amsterdam: gli imperdibili

Poche città possono vantare un concentrato di arte e cultura in così poco spazio come Amsterdam. La quantità di musei in città è talmente elevato che è praticamente impossibile visitarli tutti durante un solo viaggio. Ma allora quali sono i musei di Amsterdam da non perdere assolutamente?

In questo articolo vi descriviamo quelli che secondo noi sono da inserire assolutamente nel vostro itinerario con qualche consiglio per risparmiare qualche soldino che non fa mai male!

Rijksmuseum

Si tratta del museo più importante, non solo di Amsterdam, ma di tutti i Paesi Bassi. Quattro piani colme di opere d’arte fra le quali la collezione fiamminga più grande del mondo.

Lo spettacolo però inizia ancor prima di entrare. I meravigliosi giardini fanno da cornice ad un edificio che unisce in sé stile neogotico e rinascimentale.

I musei di Amsterdam: rijksmusuem

All’interno le 80 sale custodiscono opere che ripercorrono oltre 8 secoli di storia olandese. Il fiore all’occhiello è la “Ronda di notte” di Rembrandt, al quale è dedicato un intero piano del museo. Opere di Vermeer, Van Gogh e Jan Steen completano un assetto pittorico quasi unico.

rijksmuseum

Oltre ai quadri di questi grandi artisti sono esposte anche le celebri ceramiche di Delft, le case delle bambole di Petronella Oortman ed un piano completamente dedicato a curiosità come riproduzioni di navi e cimeli suggestivi.

rijksmuseum amsterdam

La nostra visita è durata circa 3 ore ma ne avremmo potuto spendere altrettante senza annoiarci. Senza dubbio questo è il nostro museo preferito di Amsterdam.

Il biglietto d’ingresso è gratuito se avete meno di 18 anni altrimenti il prezzo è di 20,00 euro se acquistato sul posto. Il consiglio è però di acquistarlo online collegandovi al sito ufficiale in modo da evitare file inutili!

Van Gogh Museum

Un viaggio ad Amsterdam non può considerarsi tale senza visitare il museo di Van Gogh. Qui si trova la più grande collezione al mondo di opere dell’artista olandese e visitare questo museo significa ripercorrere gli anni della sua tumultuosa vita.

musei amsterdam visitare van gogh museum

La visita dura un paio di ore e prosegue di pari passo con la carriera artistica del pittore. Si inizia dal periodo olandese dove Van Gogh prediligeva le atmosfere cupe, classico esempio è i “Mangiatori di patate“, per proseguire negli autoritratti. In questo periodo Van Gogh si era già trasferito a Parigi e l’influenza francese iniziò a farsi presente nei colori più accesi. Non potendosi permettere un modello per i suoi quadri il soggetto era sempre lui stesso.

Da Parigi ci spostiamo ad Arles in Provenza dove dagli autoritratti il pittore passò alle raffigurazioni dei paesaggi. Di questi anni è il celebre “Girasoli” e “La camera da letto“. Dopo essersi fatto ricoverare volontariamente nella clinica psichiatrica di St Remy nel 1989 Van Gogh non smise di dipingere prima del suicidio l’anno successivo.

la camera da letto van gogh

Oltre alla vasta collezione di dipinti è possibile ascoltare le lettere digitalizzate che Vincent scambiava assiduamente con il fratello Theo, mercante d’arte.

I biglietti sono acquistabili esclusivamente online collegandosi al sito ufficiale del museo. Il prezzo è di 19,00 euro per tutti gli over 18, mentre gratuito per gli altri. Nonostante sia necessario prenotare uno slot d’orario per l’ingresso preparatevi alle code. Possibilmente vi consigliamo di prenotare la mattina presto o il tardo pomeriggio per ridurre al minimo questo rischio.

Stedelijk Museum

Fra tutti i musei di Amsterdam da visitare questo è l’ideale per tutti gli appassionati di arte moderna e contemporanea. Si trova proprio dietro il museo di Van Gogh ed ospita oltre 90000 oggetti realizzati dal 1870 a oggi.

Oltre alle interessanti mostre temporanee che si susseguono fra le opere esposte si trovano capolavori di Picasso, Van Gogh, Chagall, Matisse e Warhol.

L’ingresso costa 18,50 euro intero, 10 euro per gli studenti ed è gratis per gli under 18. I biglietti possono essere acquistati direttamente sul posto oppure sul sito ufficiale.

Casa-museo di Anna Frank

Visitare la casa di Anna Frank durante il nostro viaggio ad Amsterdam è stata una di quelle esperienze che più ci sono rimaste impresse. Avendo riletto il celebre diario poco prima della partenza, vedere con i nostri occhi i luoghi dove Anna e la sua famiglia si sono nascosti per anni per sfuggire alla persecuzione nazista ci ha reso consapevoli di quanto siamo fortunati ad vivere liberi al giorno d’oggi.

musei amsterdam casa di Anna frank

Quello che una volta era il nascondiglio dei Frank, insieme ad un’altra famiglia ebrea ed un dentista, oggi è stato trasformato in un toccante museo che ripercorre non solo il racconto autobiografico di Anna ma la storia delle persecuzioni in Olanda e nel resto d’Europa.

All’interno non è consentito scattare foto. Grazie all’audioguida disponibile in varie lingue ogni stanza e reperto viene descritto nei minimi dettagli. La visita dura circa un’ora ed i biglietti sono acquistabili esclusivamente sul sito ufficiale, pertanto se non ne siete in possesso non potrete in nessun modo riuscire ad entrare.

Data la grande affluenza si consiglia di prenotare i biglietti con quanto più anticipo possibile visto che tendono ad andare sold out in pochissimo tempo. Per dover di cronaca una piccola percentuale di biglietti viene rilasciata quotidianamente quindi se non siete riusciti ad acquistarlo ma volete assolutamente visitare la casa di Anna Frank controllate ogni giorno il sito ufficiale.

Casa di Rembrandt

Se siete appassionati d’arte vi consigliamo anche di includere nel vostro itinerario una visita alla casa di Rembrandt. Situata in via Jodenbreestraat questa casa-museo offre uno spaccato della vita del grandissimo artista che qui visse dal 1639 al 1659.

La cosa che più ci è piaciuta di questo museo sono state, oltre alla collezione di opere, le dimostrazioni messe in scena dal personale del museo. In primis quella che ci ha spiegato come l’artista olandese realizzava le sue celebri acqueforti e poi una prova pratica di come venivano realizzati i colori per dipingere al suo tempo. Per intendersi, il bianco veniva fatto con gli escrementi di piccione!

musei amsterdam casa di Rembrandt
musei amsterdam casa di Rembrandt

Il biglietto costa 14,00 euro, non poco, pertanto da acquistare solo se davvero amate l’artista e l’arte in generale.

MOCO Museum

Questo è uno dei musei più insoliti di Amsterdam se si escludono quelli sulla prostituzione e sulla cannabis.

Si trova nel Museumplein, dove sorgono anche i già citati Van Gogh Museum, Rijksmuseum e Stedeljik Museum. Che questo non sia un museo come gli altri si capisce già dall’esterno con le colorate e stravaganti opere nel suo giardino.

musei amsterdam poco museum Bansky
smartcapture

E’ l’arte contemporanea a fare da padrone in questa mostra ma sono le opere di Bansky ad assumere un ruolo di primissimo piano.

Il biglietto costa 15,50 euro se acquistato sul posto mentre ben 4 euro se acquistato online sul sito ufficiale!

Questi sono, secondo noi, i musei di Amsterdam che dovrebbero essere al primo posto nella vostra lista. Certo che la capitale olandese ha musei per tutti i gusti e anche se non siete amanti dell’arte potete trovare qualcosa che fa al caso vostro.

Per esempio a noi è piaciuto molto anche l’Houseboat Museum. Un piccolo museo realizzato all’interno di una casa galleggiante che racconta com’era e com’è la vita di chi sceglie di vivere in questi alloggi insoliti.

Per i più curiosi segnaliamo anche Micropia. Un museo dedicato interamente ai microbi in tutte le sue forme. Sicuramente un qualcosa di diverso e che potrebbe piacere anche ai più piccoli!

Come risparmiare sugli ingressi ai musei di Amsterdam

Ci rendiamo conto che i musei di Amsterdam abbiano costi piuttosto elevati che possono portare a preferirne uno invece di un altro. Non volendoci trovare in questa situazione abbiamo optato per acquistare due Iamsterdam Card.

L’Amsterdam Card è una carta cumulativa che offre, oltre ai trasporti gratuiti, anche l’ingresso ad oltre 70 attrazioni e musei in tutta la città. Tutti i musei sopracitati ad esclusione di quello di Anna Frank sono inclusi nella card.

musei amsterdam iamsterdam card

Conviene davvero fare la Iamsterdam Card?

La risposta è molto soggettiva e dipende da quello che volete fare in città. Se volete visitare solo uno o due musei non è consigliabile. Se invece foste propensi ad una full immersion nella storia e nell’arte del paese allora potreste davvero risparmiare qualche soldino. Per saperne di più collegatevi alla pagina ufficiale della Iamsterdam Card e valutate!

Scritto da:

This error message is only visible to WordPress admins

Error: There is no connected account for the user 265873725 Feed will not update.