Wilanów, la Versailles Polacca

Varsavia è, fra le città polacche, quella più simili alle metropoli occidentali. Tuttavia, oltre ai grattacieli e alle scintillanti vetrine, è riuscita comunque a mantenere intatta la sua identità. Vi abbiamo già parlato della città vecchia nel nostro diario di viaggio, oggi vogliamo parlarvi della perla barocca che risponde al nome di Wilanów e che secondo noi vale da sola il prezzo del biglietto.

Il palazzo di Wilanów sorge nel quartiere omonimo a Sud di Varsavia, raggiungibile facilmente con il bus 180 dal centro città. La struttura, chiamata anche la Versailles polacca, è stata fatta erigere nel XVII secolo dal re Jan III Sobiesk. Dopo di lui molti magnati e re hanno abitato queste stanze fino al XIX secolo ed, dopo essere sopravvissuto senza danni ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, è divenuto un museo nel 1962.

Percorrendo il viale d’ingresso non si può non rimanere abbagliati dalla maestosa facciata color ocra del palazzo.
Svoltando a sinistra a attraversando un cancello in ferro battuto è possibile visitare i bellissimi giardini al costo di circa 1,50 euro.

Lo stile ornamentale del parco è tipico dei giardini all’italiana con statue e fontane a fare da contorno.
La cura per il verde rimanda invece ai classici canoni inglesi della botanica. Imperdibile il padiglione cinese nella parte nord del parco.

Per visitare gli interni del palazzo assicuratevi di arrivare presto, anche durante i mesi estivi l’ultimo ingresso è alle ore 16:00. Il costo è di circa 5 euro, un investimento che vale la pena di fare.

Qui trovate maggiori informazioni su orari e prezzi

Per visitare tutte e 33 le stanze, disposte su due piani, ci vogliono almeno due ore. Ogni sala è una vera chicca, da non perdere la sala Bianca, la libreria del Re, la sala Rossa e il gabinetto Etrusco.

A causa, o anzi per merito, delle proprietà successive alla morte del Re ogni interno rappresenta stili architettonici differenti, dal Barocco al Neoclassico.
Nonostante la razzia tedesca avvenuta durante la guerra, anche se gran parte del patrimonio è stato restituito, rimangono ancora opere e dipinti di artisti illustri come Raffaello, Rembrandt e Strozzi ad ornare le pareti del sontuoso palazzo.

Se avete in programma un viaggio a Varsavia non fatevi mancare per nessuna ragione una visita a Wilanów, non ne rimarrete delusi.

Scritto da: 

This error message is only visible to WordPress admins

Error: There is no connected account for the user 265873725 Feed will not update.