Come funziona e come ottenere il Bonus vacanze 2020

Nella conferenza stampa più attesa di tutta la pandemia, quella di giovedì 13 maggio, Conte ha illustrato il nuovo Decreto Rilancio che prevede aiuti a famiglie e imprese per un totale di 55 miliardi. Di questi, 4 miliardi saranno destinati al settore del turismo e della cultura. Una fetta importantissima del Pil Italiano che deve assolutamente ripartire.
La domanda che tutti i viaggiatori si stanno facendo è “Come ottenere il Bonus vacanze 2020?” previsto dal Governo.

Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Il Bonus vacanze previsto nel nuovo decreto prevede un sostegno massimo fino a 500 euro per nucleo familiare con l’intento di rilanciare il settore turistico nostrano.

Questo incentivo è indirizzato agli Italiani che decideranno di trascorrere, nel periodo che andrà dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, almeno 3 giorni in località turistiche italiane soggiornando in alberghi, campeggi, villaggi, agriturismo ed in generale di tutte le strutture ricettive.

L’importo del Bonus varia in base alla numerosità del nucleo familiare:

  • 500 euro per le famiglie composte da 3 o più persone;
  • 300 euro per le famiglie composte da 2 persone;
  • 150 euro per le famiglie composte da 1 persona.

Come ottenere il Bonus vacanze 2020

Per poter ottenere il Bonus Vacanze occorre avere un’ISEE familiare ( Indicatore Situazione Economica Equivalente) inferiore ai 40000 euro. E’ possibile richiedere l’ISEE presso uno sportello CAF, dal consulente del lavoro o dal proprio commercialista.

L’importo del bonus vacanze potrà essere utilizzato come sconto per la prenotazione all’80% del valore mentre il restante 20% verrà scontato come detrazione d’imposta ovvero al momento della successiva dichiarazione dei redditi.

Il bonus non è cumulabile ma dovrà essere utilizzato in un’unica soluzione. Quindi niente da fare se avevate pensato di usufruirne per farvi sia un weekend al mare e uno in montagna, per intenderci. La spesa dovrà essere documentata con un documento fiscale ( fattura elettronica o ricevuta) che riporti il codice fiscale del fruitore del credito. La struttura invece potrà recuperare i soldi tramite un credito d’imposta. Inoltre il pagamento dovrà essere corrisposto senza l’ausilio di intermediazione di soggetti che gestiscono portali telematici di prenotazione diversi da agenzie di viaggio e tour operator.

Quello che si capisce dal decreto è che lo sconto verrà applicato direttamente al momento del pagamento della struttura ma non è chiara la modalità con cui dimostrare alla struttura ricettiva di aver diritto al bonus.
Attendiamo aggiornamenti ufficiali.

Come funziona e come ottenere il Bonus vacanze 2020
Crediti foto: Pixabay Free Images

Scritto da: