Visitare il castello Nijo a Kyoto

La storia di Kyoto e del Giappone passa da qui. Per questo motivo non potete pensare di organizzare un viaggio nella città dei templi senza visitare il castello Nijo.

Un pizzico di storia prima di visitare il castello Nijo

Visitare castello nijo ingresso
Ingresso

Era il 1603 quando il primo shogun del periodo Edo, tale Tokugawa Ieyasu, volle erigere una residenza che dimostrasse il potere e la richezza del suo shogunato. Per quasi 300 anni il castello Nijo fu usato come residenza dagli shogun, che era la più alta carica militare ottenibile, prima di essere adibito a palazzo imperiale e poi donato alla città diventando anche un patrimonio dell’umanità riconosciuto dall’UNESCO.

Visitare il castello Nijo a Kyoto è come fare un salto nel Giappone feudale ed ammirarne l’architettura classica. Uno dei pochi esempi arrivati ai giorni nostri.

Una doppia fortificazione per proteggere gli Shogun

Una bianca torretta d'avvistamento castello nijo
Una bianca torretta d’avvistamento

Da fuori il castello Nijo si presenta come un’immensa fortificazione circondata da profondi fossati d’acqua, possenti mura difensive e bianchissime torrette d’avvistamento. Ancora non siamo entrati ma già si percepisce quella potenza che lo shogun voleva trasmettere.

All’interno l’area del castello si può suddividere in 3 aree: Honmaru (prima fortificazione), Ninomaru (seconda fortificazione) ed i giardini che le circondano.

Honmaru

L’Honmaru era la parte destinata a coloro che lavoravano nel castello e dove svolgevano le loro attività quotidiane. Oltre agli alloggi dei lavoratori in passato sorgevano altri edifici, fra cui un torrione a cinque piani, ma un violento incendio ne distrusse parecchi. Mai più ricostruiti.

Anche quello che oggi viene definito palazzo Honmaru non si tratta in realtà di tale edificio, distrutto anch’esso dall’incendio, bensì del palazzo Katsura. Non visitabile se non in determinate occasioni speciali.

palazzo Katsura honmaru
Palazzo Katsura

Ninomaru ed il suo scintillante palazzo

Ci spostiamo nella seconda fortificazione attraversando la spettacolare porta Karamon ed è qui che troviamo il palazzo Ninomaru, l’edificio che più ruba gli occhi quando si visita il castello Nijo.

visitare il castello nijo porta karamon
Porta Karamon

In passato questa era la residenza degli shogun in visita a Kyoto ed oggi è una delle poche strutture ad essere rimaste inalterate. E’ composto da vari edifici collegati fra di loro da corridoio definiti “dell’usignolo“. Questo nomignolo deriva dalla particolare consistenza dei pavimenti che scricchiolavano al minimo tocco indicando così eventuali presenze indesiderate.

Rimaniamo a bocca aperta davanti alla porta Kurumayose, l’ingresso dell’edificio, con le sue due facciate decorate con stucchi in oro e finissimi intarsi. Noi che siamo sempre stati affascinati dai samurai eravamo veramente in estasi.

visitare il castello nijo porta Kurumayose
Porta Kurumayose

Gli interni sono un sussegursi di sale ognuna riservata ad una precisa classe sociale. Solamente gli ospiti più ricchi ed importanti potevano accedere alla sala principale dove sedeva lo shogun. I più poveri potevano parlare con lo shogun, sì, ma senza poterlo vedere.

Se Honmaru e Ninomaru colpiscono per le decorazioni e la bellezza dei suoi edifici meritano più che una menzione i giardini reali. Vale la pena camminare fra gli alberi di susine e di ciliegie, chissà che spettacolo dev’essere durante l’hanami, ed ammirare la perfezione dei laghetti, delle pietre sapientemente posate in un connubio di pace e bellezza.

giardini reali castello nijo

Restiamo estasiati di fronte al giardino Seiryu-en, nato nel 1965 per accogliere particolari eventi culturali, che ospita due case da té in una cornice così spettacolare da sembrare finta!

giardino Seiryu-en visitare il castello nijo
Giardino Seiryu-en

Visitare il castello Nijo: orari e biglietti d’ingresso

Il castello Nijo è aperto tutti i giorni ad eccezione del martedì nei mesi di gennaio, luglio, agosto e dicembre. Qualora il martedì sia un giorno festivo il castello rimarrà chiuso anche il mercoledì seguente. Inoltre è sempre chiuso nel periodi che va dal 26 dicembre al 4 gennaio.

L’orario di apertura va dalle 8:45 alle 17:00 con ultimo ingresso consentito alle 16:00.

Il biglietto d’ingresso ha un costo di 600 yen, gratuito per i bambini fino ai 6 anni e pari a 350 yen per i ragazzi fino ai 18 anni. E’ possibile noleggiare un’audioguida in inglese al costo di ulteriori 500 yen.

furin castello nijo
I Furin, per tenere lontani gli spiriti malevoli

Come arrivare

Il castello Nijo è una delle poche attrazioni da visitare a Kyoto che si possano raggiungere con la metro. Dalla stazione centrale dovete prendere la linea Karasuma fino a Karasuma-Oike dove dovrete effettuare un cambio con la linea Tozai e scendere a Nijojo-mae. Il castello si trova proprio di fianco alla fermata.

Leggi anche: come muoversi a Kyoto

In bus invece basterà prendere un autobus a scelta fra i numeri 9,50 o 101 ed in circa 20 minuti sarete a destinazione.

Scritto da:

This error message is only visible to WordPress admins

Error: There is no connected account for the user 265873725 Feed will not update.