L’abbazia di San Galgano e la spada nella roccia

L’abbazia di San Galgano è un luogo così bello da non credere che esista veramente. Siamo a Chiusdino nel cuore più verde della Toscana, in quel tratto di terra che divide Siena da Grosseto e che ad ogni passo ci trasporta in un paesaggio da cartolina.

Atmosfere mistiche: l’abbazia di San Galgano

Per arrivare all’abbazia di San Galgano è possibile parcheggiare in un grande parcheggio gratuito e percorrere un suggestivo viale alberato fino all’antica e maestosa cattedrale. Ciò che la rende unica nel suo genere è di essere una chiesa a cielo aperto.

viale alberato cattedrale

Le origini dell’abbazia sono antichissime ed infatti l’interno è completamente spoglio. Fu costruita intorno al 1200 e, dopo anni di splendore, la decadenza cominciò in seguito alla così detta Commenda. Nel 1550 il Commendatario Girolamo Vitelli arrivò a vendere tutti i suoi beni compreso la ricopertura in piombo del tetto. Nonostante nel corso del tempo ci furono svariati tentativi di ripristinare l’abbazia nel 1789 venne definitivamente sconsacrata e lasciata, così, in rovina dopo che un fulmine fece crollare sia il tetto che il campanile.

abbazia di san valgano

Per secoli l’abbazia di San Galgano rimase in stato di abbandono prima di diventare addirittura una stalla per animali. Fu nel 1924 che il valore storico e architettonico della cattedrale venne riconosciuto di interesse nazionale ed iniziarono lavori di ristrutturazione conservativa.

Quello che ne rimane al giorno d’oggi è un complesso estremamente affascinante che, per la sua particolarità, ricorda molto le chiese abbandonate irlandesi.

abbazia di san valgano

Per visitare l’abbazia occorre pagare un biglietto di ingresso pari a 4 euro. Introiti che vengono utilizzati esclusivamente per la manutenzione di questo sito storico di grandissima importanza.

particolare cattedrale

Il Santo, l’Eremo di Montesiepi e la spada nella roccia

San Galgano, il monaco a cui è intitolata questa cattedrale, visse davvero in questa parte di Toscana molti anni prima della sua costruzione. Percorrendo un breve sentiero che parte dietro l’abbazia si raggiunge infatti l’Eremo di Montesiepi, detto anche la Rotonda per la sua forma circolare.

eremo di monte siepi

Questa cappella fu costruita nel luogo dove il Santo visse i suoi ultimi mesi da eremita prima di morire nel 1181. Celebre è la spada conficcata nella roccia che leggenda vuole sia stata posta proprio da San Galgano come simbolo di rinunzia alla vita mondana.

Per anni si è dibattuto sulla veridicità della storia ma alcuni studi di inizio millennio hanno confermato questa teoria. Fatto sta che oggi non esiste altro posto dove poter ammirare l’Excalibur Italiana: la spada nella roccia. Protetta ovviamente da una teca di vetro per evitare danneggiamenti.

spada nella roccia eremo di monte siepi

L’eremo, e la sua spada, si possono visitare gratuitamente e se siete amanti dell’arte sacra apprezzerete sicuramente il soffitto a cerchi concentrici e gli affascinanti affreschi che ornano la piccola cappella.

soffitto eremo

Scritto da:

This error message is only visible to WordPress admins

Error: There is no connected account for the user 265873725 Feed will not update.